Come scegliere il POS portatile

Possedere un POS per la propria attività, non soltanto è un obbligo legislativo, ma è una vera e propria opportunità di successo: dal momento che l’utilizzo delle carte come metodo di pagamento è in netto aumento, possedere un terminale per i pagamenti elettronici è senza dubbio un vantaggio per il proprio business.

Che si tratti di un piccolo punto vendita, di un locale oppure di un’attività di grandi dimensioni, aprire le porte del proprio business ai pagamenti elettronici risulta un’opportunità di guadagno irrinunciabile: accettare pagamenti con carta è indispensabile per rendere felici i propri clienti e allargare il proprio giro di affari.

Pos Mobile

Se stai leggendo questa guida vuol dire che sei alla ricerca di un POS mobile che rispecchi le tue esigenze e che si adatti perfettamente alla tua azienda.

Il POS mobile, a differenza di quello classico, non necessita di una linea telefonica fissa per funzionare ma può connettersi ad internet in diversi modi: rete wi-fi, bluetooth (utilizzando lo smartphone come hotspot) oppure connettività 3G/4G.

Di seguito noi di confrontapos.com ti forniremo alcuni consigli utili su come scegliere il tuo POS portatile, oltre a stilarti una classifica dei migliori terminali di pagamenti presenti attualmente in commercio.

Quali sono i migliori POS mobili in assoluto?

Abbiamo preso in esame e messo a confronto diversi dispostivi mobili concentrandoci su caratteristiche essenziali come versatilità, convenienza, semplicità di utilizzo e tariffe trasparenti. 

Alla fine, abbiamo scelto ben tre dispositivi differenti da proporti per agevolarti la scelta. 

Sumup 3G + Stampante

Sumup prevede una spesa iniziale per l’acquisto dei suoi terminali di pagamento ma non ha altre spese fisse: si ha però una commissione dell’1,95% su ogni transazione (valida per tutte le carte di credito, di debito e prepagate).

Della gamma SumUp abbiamo scelto il modello 3G + Stampante poiché risulta il più completo visto che consente di stampare anche le ricevute delle transazioni elettroniche.

Un terminale compatto e leggero di buona fattura, che si connette sia tramite wi-fi che mediante 3G grazie alla sim dati integrata. 

Molto interessante la possibilità di poterlo utilizzare all’estero (sebbene sia necessario richiedere un’abilitazione temporanea) e l’opzione di pagamento via link per poter ricevere pagamenti anche a distanza (inviando il link per il pagamento tramite sms, mail ecc).

Gli accrediti vengono ricevuti solitamente entro 2-3 giorni lavorativi (su un conto corrente scelto da te in fase di registrazione) sebbene una valida alternativa sia la carta prepagata gratuita SumUp Card (qui il saldo viene ricevuto in 1 solo giorno lavorativo anche durante il weeekend).

Pro:

  • Assenza di canone mensile
  • Funziona con qualsiasi conto corrente
  • Stampante integrata nella base di ricarica

Contro:

  • Durata della batteria non eccellente (può supportare fino a 50 transazioni)

Sceglilo se:

  • Sei alla ricerca di un dispositivo semplice e completo e prevedi pagamenti elettronici mensili al di sotto della soglia dei 1000 euro

MyPOS Combo

MyPOS Combo

Non potevamo non includere il terminale di pagamento popolare e acquistato di MyPOS: il modello Combo.

Un terminale classico e completamente autonomo, dotato di una stampante termica integrata e progettato per supportare ben 4 livelli di connettività: 3G, wi-fi, GPRS e Bluetooth. 

Il pacchetto di MyPOS Combo comprende anche un conto MyPOS a cui è associato una carta di debito. 

Una soluzione ottimale visto che ti consente di ricevere gli incassi delle transazioni in modo istantaneo, sebbene vi siano una serie di costi non proprio convenienti da pagare (per bonifici, prelievi, ecc).

Per quanto riguarda le commissioni per le carte che usano i circuiti Visa, MasterCard, Maestro, Visa Electron e Vpay sono pari all’1,55% della transazione mentre per le carte interazionali come UnionPay sono più alte (ossia 2,85%).

Il POS è celebre per le sue molteplici funzionalità aggiuntive come Top-UP (per incrementare i guadagni mensili mediante le ricariche telefoniche), pre-autorizzazione (per ricevere garanzie in caso di attività con prenotazioni online), profilo dipendenti e così via.  

Pro:

  • Assenza di canone mensile
  • Batteria a lunga durata
  • Disponibilità immediata dell’incasso
  • Stampante ad alta velocità integrata

Contro:

  • Commissioni un po’ alte su carte internazionali e per prelievi/bonifici

Sceglilo se:

  • Prevedi transazioni elettroniche mensili non elevate ma sei alla ricerca di un POS ricco di funzionalità extra per la tua attività

Smart POS Easy 

Smart POS Easy

Smart POS Easy Pos è il POS offerto da Axerve, azienda italiana posseduta dal gruppo Banca Sella.

Un lettore di carte con design innovativo, fotocamera e stampante termica integrata: un vero e proprio smartPOS con tecnologia Android in grado di connettersi sia tramite wi-fi che con la rete 4G dell’operatore della scheda dati inclusa nel pacchetto.

In questo caso parliamo di un lettore di carte con canone mensile fisso e zero commissioni.

Il canone (comprensivo del noleggio POS) viene calcolato in base agli incassi annuali: 17 € per un fatturato di massimo 10.000 euro, 22 € per un fatturato massimo di 30.000 euro. 

Pro:

  • Canone all-inclusive senza commissioni
  • Funziona con qualsiasi conto corrente
  • Batteria performante 

Contro:

  • Superati 30.000 € di incassi si applica una commissione sul transato anche nella versione a canone fisso al mese.

Sceglilo se:

  • Credi di generare grandi volumi di transazioni elettroniche 
  • Non essendoci una spesa per l’acquisto del terminale e non essendoci costi di attivazione e disattivazione è la scelta ideale per le attività stagionali come ad esempio Bed & Breakfast, servizi di ristorazione etc.

Come valutare un buon POS? 

Ma quali sono le caratteristiche principali da valutare prima dell’acquisto di un POS? 

Prima di prendere la tua decisione è opportuno che tu ti ponga alcune domande.

Quanto prevedo di incassare mensilmente con modalità elettronica?

Se pensi di utilizzarlo poco (ma non vuoi farti trovare impreparato dai clienti che desiderano utilizzarlo) ti conviene scegliere una soluzione senza canone fisso ma con percentuali trattenute su transato.

Se invece conti di utilizzarlo spesso, è opportuno orientarsi su un pacchetto con canone fisso senza commissioni sulle transazioni. 

Che compatibilità ha il POS?

Bisogna verificare che il POS risulti compatibile con le carte di credito con chip e che possa accettare pagamenti tramite smartphone con Apple Pay, Google Pay e Samsung Pay.

Non potendo accettare questa tipologia di pagamenti, potresti perdere dei clienti: non fari trovare impreparato.

È facile da usare?

Un POS deve semplificarti il lavoro non amplificarlo per cui è fondamentale scegliere terminali semplici da utilizzare, che non richiedano la costante consultazione del manuale di istruzioni per mantenerlo attivo e funzionante

Come avrai capito tutti e tre i terminali che ti abbiamo proposto rispecchiano tali caratteristiche. Quale ti ha convinto di più?

Michele Sabatini
Informazioni su Michele Sabatini

Sono Michele Sabatini, esperto in Digital Marketing e da qualche anno ormai libero professionista e nel tempo ho provato (per conto mio o grazie a persone vicine a me) molti dispositivi di POS mobile. Ho deciso di scrivere queste guide per mostrarti l'utilità e la semplicità nell'utilizzare questi strumenti.